≡ Menu,,en,clicca per tornare a casa,,en,Errore fatale,,en,Chiama alla funzione non definita vertical_menu,,en,home / content / 56/7806356 / html / wp-content / plugins / exec-php / include / runtime.php,,en,eval,,en,codice,,en,in linea,,en

Malattia di Lyme in Australia

lyme disease australia tick ixodes holocyclus

Può la holocyclus Ixodes, Tick ​​paralisi australiano anche essere un vettore per i batteri della malattia di Lyme?

Il pensiero attuale La malattia di Lyme in Australia è che solo una specie di zecche pochi sono in grado di trasportare i batteri Borrelia e, come tale, queste zecche pochi sono gli unici in grado di diffondere l'infezione per gli esseri umani e altri animali. Tali zecche identificate come portatori sono presenti in Asia, Europa, e Nord America, ma non si pensa che hanno popolato l'Australia. L'ultima indagine sulle zecche da effettuare in Australia è stata nel 1990, tuttavia, dove alcuni 12,000 zecche sono stati raccolti nel Nuovo Galles del Sud e testato per Borrelia; non sono stati trovati per essere infettati. Un specicata particolare di tick paralisi, Ixodes holocyclus può causare paralisi zecche, barrare il tifo e le reazioni allergiche e le autorità hanno ammesso che le zecche australiane possono causare un'infezione simile a La malattia di Lyme ma che è, finora, incapace di essere caratterizzato.

Malattia di Lyme ricerca australiana

La ricerca risalente al 1960 hanno identificato un ceppo australiano di Borrelia, Borrelia queenslandica, ma la ricerca più recente in La malattia di Lyme in Australia trovato alcuna prova della presenza di Borrelia nelle zecche. Questa ricerca di Russell, et al, in 1994 è stato criticato per la metodologia sbagliata e sembra che poco il follow-up si è verificato in B. queenslandica negli ultimi cinquant'anni, il che significa che i test per l'infezione della malattia di Lyme è improbabile da confrontare con questo ceppo, in particolare se si utilizzano laboratori all'estero. Questo è esemplificato dal lavoro pubblicato 1991 da Piesman e la pietra che ha testato la capacità della zecca australiana paralisi (Ixodes holocyclus) di agire come un vettore di Borrelia. I test hanno concluso che zecche larvali fatto ingerire i batteri, ma non si infettano. È importante sottolineare che, thier ricerca ha usato solo il ceppo del Nord America di Borrelia, B. burgdorferi e gli scienziati hanno concluso che i loro esperimenti devono essere ripetuti con ceppi australiani di spirochete, ricerca che non sembrano essere state effettuate.

Diagnosi di malattia di Lyme in Australia

Un caso clinico di un paziente con borreliosi di Lyme ha scoperto che una biopsia della pelle è risultato positivo per Borrelia garinii (un ceppo di batteri malattia di Lyme trovato prevalentemente in Europa e in Asia), nonostante il paziente avente negativo test sierologico risultati. Il paziente in questione aveva sofferto con i sintomi della malattia di Lyme e per due anni i ricercatori hanno concluso che l'infezione può essere stata acquisita in Australia, nonostante viaggi in Europa circa diciassette mesi prima della comparsa della malattia. Preoccupante, la paziente aveva fatto ripetute dosi di antibiotici ma l'infezione persistente, potenzialmente dimostrare la necessità di un trattamento antibiotico per l'infezione più o, eventualmente, dimostrare che l'infezione era recente e coincedental con riferimento a sintomi precedenti che rimangono inspiegabili.


ILADS Research in Australia

Un articolo pubblicato nella Gazzetta Internazionale di Medicina Generale lo scorso anno ha riferito la conferma di infezione della malattia di Lyme in base alle IFA e Western Blot in 55% dei pazienti con sintomi riferiti della malattia di Lyme, che non avevano viaggiato all'estero di recente. Dei 51 pazienti esaminati per la malattia di Lyme, 41% evidenza di più infezione da zecche, incluso un paziente che non aveva mai lasciato Queensland, ma che sono risultati positivi per la Borrelia, Babesia, e Bartonella. Tre altri che non avevano viaggiato più lontano della costa orientale australiana sono risultati positivi anche per questi patogeni. La ricerca è stata effettuata dal Lyme internazionale e le malattie connesse Società (ILADS) che continuamente guida contro la negazione da parte dei governi di Lyme, le autorità locali, e ortodossi associazioni mediche. La ricerca di Mayne (2011) reazione a catena della polimerasi utilizzato (PCR) test per valutare la presenza di Borrelia sottospecie DNA, così come alla ricerca di prove di infezione da Babesia microti, Babesia duncani, Anaplasma phagocytophilum, Ehrlichia chaffeensis, e Bartonella henselae. Quarantuno pazienti con sintomi di infezioni trasmesse da zecche sono stati testati; 32% avuto risultati positivi per Babesia spp., 22% sono risultati positivi per Bartonella spp., e dei 25 pazienti testati per Ehrlichia spp. 16% sono risultati positivi per Anaplasma phagocytophilum (none testato postiive per Ehrlichi chaffeensis).

Riconoscere la malattia di Lyme in Australia

Le zecche in Australia tendono ad essere più attivi nella tarda primavera, estate, e all'inizio dell'autunno e quelli impegnati in attività all'aperto come il trekking, bike, o anche di giardinaggio o un sentiero di costruzione in zone boschive o densamente vegetate necessario acquisire familiarità con una crocetta metodi di controllo in modo da ridurre l'esposizione potenziale. I medici e gli altri operatori sanitari hanno bisogno di diventare più consapevoli delle manifestazioni potenziali di malattia di Lyme, soprattutto considerando che i sintomi di malattie progressive o incurabili come la demenza, sclerosi multipla, schizofrenia e possono essere il risultato di neuroborreliosi, che li rende trattabili piuttosto che semplicemente gestibile con i farmaci. Ci può essere alcun riconoscimento ufficiale della presenza di La malattia di Lyme in Australia ma la pressione è il montaggio e al riesame è, fiduciosamente, solo questione di tempo.

Riferimenti


Russell RC, Doggett SL, Munro R, Ellis J, Avery D, Hunt C, Dickeson D., La malattia di Lyme: la ricerca di un agente eziologico in zecche nel sud-est dell'Australia. Epidemiol Infettare. 1994 Aprile;112(2):375-84.

Mayne PJ., Incidenza emergenti di borreliosi di Lyme, babesiosi, bartonellosi, e ehrlichiosi granulocitaria in Australia. J Gen Int Med. 2011;4:845-52. Epub 2011 Dicembre 16.

Hudson BJ, Stewart M, Lennox VA, Fukunaga M, Yabuki M, Macorison H, Kitchener-Smith J., Cultura-positivo borreliosi di Lyme. Med J Aust. 1998 Maggio 18;168(10):500-2.

Almeida OP, Lautenschlager NT., La demenza associata a malattie infettive. Int Psychogeriatr. 2005;17 Suppl 1:S65-77.

Piesman J, Pietra BF., Competenza vettoriale della zecca australiana paralisi, Ixodes holocyclus, per la malattia di Lyme spirochete Borrelia burgdorferi. Int J Parasitol. 1991 Febbraio;21(1):109-11.