≡ Menu,,en,clicca per tornare a casa,,en,Errore fatale,,en,Chiama alla funzione non definita vertical_menu,,en,home / content / 56/7806356 / html / wp-content / plugins / exec-php / include / runtime.php,,en,eval,,en,codice,,en,in linea,,en

Malattia di Lyme vaccino – Scoperta di cellule immunitarie potrebbero aiutare la prevenzione delle malattie di Lyme

lyme disease vaccine new dendritic cell type uncovered

Potrebbe una cella di recente scoperta del sistema immunitario offrono un bersaglio per vaccini contro la malattia di Lyme?

I ricercatori dell'Università di Newcastle nel Regno Unito hanno identificato un tipo di globuli bianchi che potrebbe presentare un di destinazione per una nuova generazione di vaccini contro la malattia di Lyme. Dopo le polemiche di LYMErix, aziende più farmaceutiche hanno evitato di sviluppare un vaccino per l'infezione, diffidare di una risposta negativa del pubblico a loro prodotto. Questa cella di nuova individuazione del sistema immunitario in grado di offrire la possibilità di un nuovo inizio per Lyme vaccini contro la malattia, così come vaccini per altre malattie, tra cui il cancro e l'epatite B.

Le cellule dendritiche

La cella appena scoperto è una cellula dendritica, un tipo di cellula che fa da sentinella per il sistema immunitario. Queste cellule bianche del sangue specializzate in continuo schermare i tessuti del corpo per attività insolite, inclusa la presenza di batteri patogeni, virus, o cancro. There are so many varieties of it, that unvoluntarily we are sometimes faced with a question: What is mesothelioma? or any other variety. Se incontrano qualcosa di comune che innescare la risposta immunitaria del corpo prendendo piccole parti del patogeno (antigeni) e la visualizzazione sul loro superficie cellulare. Ciò consente quindi il killer cellule T per rispondere alla infezione ed uccidere il patogeno, un processo che può essere mirato per lo sviluppo di vaccini. L'ormai fuori produzione vaccini contro la malattia di Lyme in sé era insolito in quanto ha preso di mira i batteri nell'intestino della zecca al fine di prevenire trasmissione ad un ospite umano, piuttosto che prendere di mira i batteri una volta che l'infezione si è verificato. Se queste cellule dendritiche’ scoperta può portare ad un diverso tipo di vaccino resta da vedere.

Cross-Presentazione in nuovo tipo di globuli bianchi

Queste cellule dendritiche sono insoliti in quanto loro stessi non hanno bisogno di essere infetti, al fine di avvisare l'cellule T killer al patogeno. Maggior parte delle cellule sono in grado di presentare antigeni quando infettati e, così, cellule T killer solo diventare attivato se le cellule sono già infettati. Lavorando fianco a fianco A * STAR di Singapore Immunology Network (SIgN) e Antibody Screening Library Platform, gli scienziati di Newcastle ha scoperto le cellule dendritiche’ capacità di generare un resonse sistema immunitario ad una sorgente esterna antigene in un processo chiamato cross-presentazione.


Sfruttare immunità naturale per lo sviluppo del vaccino

Cross-presentazione ha rappresentato una sorta di Santo Graal per immunologi negli ultimi anni in quanto sapevano che deve essere possibile, ma non ha potuto scoprire il tipo di cellula responsabile del processo di. Questo nuovo tipo di cellula dendritica probabilmente ora fornire un obiettivo per la ricerca anti-cancro vaccini, secondo il dottor Muzlifah Haniffa, un Wellcome Trust Intermedio Fellow e Senior Lecturer Clinica dell'Università di Newcastle. Lo sviluppo di tali vaccini potrebbe utilizzare la capacità naturale del corpo di combattere le infezioni e potrebbe aiutare quando si tratta di batteri notoriamente difficili come la La malattia di Lyme spirochete.

Mouse per Human Gene-Mapping per i vaccini

Nonché individuare il nuovo tipo di globuli bianchi, i ricercatori hanno anche osservato che sottopopolazioni di cellule dendritiche sono conservati tra le specie. Isolate cellule dendritiche dal sangue umano e campioni di pelle, nonché dal sangue del mouse, polmone e fegato sono stati testati usando analisi di espressione genica per creare una mappa delle firme genica nell'uomo e geni equivalenti nei topi. Questa mappa può guidare ricercatori utilizzando modelli murini di malattia umana, per garantire che i vaccini efficaci nei modelli animali possono avere effetti analoghi nell'uomo. Matthew Collin, Professore di Ematologia dell'Università di Newcastle, di cui alla mappa come stele di Rosetta per la lingua del mouse per gli esseri umani. I ricercatori hanno fatto queste firme genetiche a disposizione del pubblico per aiutare colleghi scienziati e può essere che un di nuova generazione per la malattia di Lyme vaccino sarà il risultato di tale ricerca, soprattutto in considerazione del aumento del numero di casi ed i potenziali vantaggi finanziari di produrre tale vaccino.

Riferimento

Haniffa M et al. Tessuti umani contengono CD141(ciao) cross-cellule dendritiche presentanti con omologia funzionale di topo CD103(+) cellule dendritiche nonlymphoid. Immunità 2012.

{ 0 commenti… aggiungere un }

Lascia un tuo commento