≡ Menu,,en,clicca per tornare a casa,,en,Errore fatale,,en,Chiama alla funzione non definita vertical_menu,,en,home / content / 56/7806356 / html / wp-content / plugins / exec-php / include / runtime.php,,en,eval,,en,codice,,en,in linea,,en

Malattia di Lyme accuratezza del test – Western Blot

Western Blot Test

Esempio di risultati di test Western Blot

Il Western blot utilizza una tecnica molto semplice che anticorpi ordina dal peso relativo degli antigeni, quindi li separa per analisi. Le unità utilizzate per differenziare queste 'bande' sono daltons chilo (kDa), una unità di piccolo peso circa uguale alla massa di un protone o un neutrone. Gel elettroforesi viene utilizzata per separare le proteine ​​native o denaturate a seconda della lunghezza del polipeptide o la struttura della proteina nel campione. Queste proteine ​​sono poi trasferiti ad una membrana in cui sono utilizzati anticorpi specifici per la proteina bersaglio per rilevare loro.

Risultati di una Test Western blot per la malattia di Lyme sono divisi in gruppi come 22kDa, 41kDa, 93kDa, e così via, con alcuni marcatori rappresentano significativi di anticorpi della malattia di Lyme. La banda 31kDa sul Western blot indica la presenza di un anticorpo di OspA ed è specifico per solo pochi ceppi di Borrelia batteri (compreso quello utilizzato nella LYMErix vaccino). Altri gruppi significativi sono 34kDa (OspB) e 23kDa (OspC).


Malattia di Lyme Bands prova riveduta Tra Confusion

Il potenziale di confusione e incoerenza reporting e l'analisi del test Western blot, la molteplicità di bande interessate, il CDC e l'Associazione dei Direttori di laboratorio di sanità pubblica dello Stato e del Territorio nuovi orientamenti in 1994. Le nuove linee guida non è più considerato bande 22, 23, 25, 31, e 34kDa di essere specifico e significativo per l'esposizione Borrelia burgdorferi batteri e rimosso queste bande dal pur essendo oggetto di informativa, con grande dispiacere di un certo numero di ricercatori della malattia di Lyme e sostenitori, al momento. Nessuna ragione è stata data per questa azione e un test in precedenza ragionevole per individuare la malattia di Lyme è ormai considerata piuttosto scarsa da molti medici. Un certo numero di laboratori anche smesso di segnalare che le bande sono state evidenziate e cominciò solo nel dare una interpretazione positiva o negativa insieme con i nuovi orientamenti.

La ricerca effettuata da Fawcett, et al (1995), evidenziato il problema con le nuove linee guida utilizzando casi confermati della malattia di Lyme di valutare l'accuratezza della macchia vecchia occidentale e la versione aggiornata. Le nuove linee guida inclusi dieci bande specifiche come fuori di informativa degli originali 25. Per un occidentale IgG blot un risultato positivo è stato determinato in almeno cinque delle seguenti fasce: 18, 21,28, 30, 39, 41,,45, 58, 66 e 93kDa. Due o più delle bande 23, 39, e 41, sono stati necessari per un positivo IgM Western blot.

Nuove band non sufficientemente specifico per il test di Lyme

I ricercatori che studiano le nuove linee guida sono stati turbati che molti dei gruppi precedentemente considerate specifico e significativo non erano più presenti, cioè 22, 23, 25, 31, e 34, che comprendeva OspA, OspB , , OspB, e OspC. Sessantasei pazienti sintomatici in età pediatrica con una storia di morso di zecca, e eritema migrans è risultato positivo ai sensi degli orientamenti vecchi, mentre solo 20 sono stati considerati positivi sui nuovi criteri. Questo livello potenziale di inaccuratezza porterebbe quindi a notevoli sottodiagnosi e la negazione di trattamento di malattia di Lyme per molti pazienti.


La mancanza di cambiamento delle linee guida dei CDC dal 1995 è sorprendente considerando la quantità di ricerche effettuate in malattia di Lyme e la sua interazione con il sistema immunitario. Mentre le linee guida sono ancora considerate incomplete da parte di alcuni cosiddetti 'medici Lyme alfabetizzati medici' (LLMDs) nessun suggerimento ulteriori sostanziale revisione sono stati accettati dal CDC. Supporto per due attuali livelli metodo di prova è stata criticata però, con una carta da Steere, et al (2008), sostenendo 100% sensibilità, nonostante un test positivo far parte dei criteri per una diagnosi (i.e. ragionamento circolare veniva impiegato, se maliziosamente o supervisione). Steere stesso suggerisce, tra gli altri, che un'alternativa C6 Peptide ELISA indagine merita di più come un possibile sostituto delle attuali due livelli tipi di Malattia di Lyme test.

Europea Western Blot l'accuratezza del test

L'orientamento attuale per quanto riguarda l'uso di test Western Blot per la malattia di Lyme in Europa è stato formulato dai europeo per l'azione concertata sulla borreliosi di Lyme in base a criteri di interpretazione da Engstrom, et al (1995) e Dressler, et al (1993), per IgM ed IgG, rispettivamente. La ragione per cui i criteri diversi da Stati Uniti è che diversi ceppi di batteri Borrelia sono presenti in Europa. La guida EUCALB precisa inoltre che l'uso di questi criteri raccomandati è aperto all'interpretazione seconda del ceppo o specie utilizzata come antigene. Otto gruppi sono stati identificati come discriminatoria per la rilevazione Borreliosi di Lyme anche se queste varia di significato.

La guida Engstrom suggerisce una macchia positivo IgM occidentale, quando due dei tre proteine (24, 39, e 41kDa) sono rilevate nel campione. Dressler raccomanda la discriminazione sulla base di almeno cinque delle dieci band più comuni IgG nei primi mesi della malattia di Lyme: 18, 21, 28, 30, 39, 41, 45, 58, 66, e 93kDa. Questo blot IgG ha dimostrato di avere una specificità di 95% e una sensibilità di 83% dopo le prime settimane di infezione. La guida per l'interpretazione e la comunicazione dei risultati Western Blot in Europa non è cambiato da prima metà degli anni 1990, così come le linee guida americane del Nord pubblicate dal CDC non sono cambiati negli ultimi anni.

Continue Reading –> Precisione ELISA


Riferimenti

Dressler F, Whalen JA, Reinhardt BN, Steere AC. Western blotting nella sierodiagnosi della malattia di Lyme. J Infect Dis. 1993 Febbraio;167(2):392-400.

Engstrom SM, E Shoop, Johnson RC. Criteri di interpretazione immunoblot per sierodiagnosi della prima malattia di Lyme. J Clin Microbiol. 1995 Febbraio;33(2):419-27.

Fawcett, P., et al. Western Blot e falsi negativi nei bambini: Reumatologia Symposia astratta #1254, 1995.

Mavin S, McDonagh S, Evans R, Milner RM, Chatterton JM, Ho-Yen DO. Criteri di interpretazione nella diagnosi Western blot di borreliosi di Lyme. Br J Biomed Sci. 2011;68(1):5-10.

Steere AC, McHugh G, Damle N, Sikand VK. Studio prospettico di test sierologici per la malattia di Lyme. Clin Infect Dis. 2008 Luglio 15;47(2):188-95.

Hauser U, Lehnert G, Wilske B. Validità dei criteri interpretativi per standardizzati Western blot (immunoblot) per la sierodiagnosi della borreliosi di Lyme in base a sieri raccolti in tutta Europa. J Clin Microbiol. 1999 Luglio;37(7):2241-7.